Attenzione: Stai utilizzando un browser obsoleto. Per favore passa ad un browser più moderno come Chrome, Firefox o Microsoft Edge.

home or away



Andare in vacanza o tornare "a casa"?


01  luglio 2020

In tutto il mondo, la pandemia di coronavirus ha sconvolto i nostri piani di vacanza. Le restrizioni di viaggio, le cancellazioni dei voli e l'incertezza relativa alle future norme locali sull'isolamento ci hanno portato a cancellare o ripianificare le vacanze.

Come tutti, anche la comunità di espatriati ha incontrato le stesse difficoltà nel programmare le vacanze. Quest'anno in particolare, l'impossibilità di tornare fisicamente "a casa" per una visita alle persone care e ai luoghi più familiari ha lasciato una sensazione di vuoto per molti espatriati.

Tuttavia, le restrizioni sui viaggi internazionali hanno anche semplificato le cose per chi, vivendo all'estero per lavoro, ha di fronte l'eterno dilemma. Ogni anno, infatti, gli espatriati e le loro famiglie devono scegliere se passare le vacanze in modo "tradizionale" nel nuovo Paese di residenza o in altre località turistiche, oppure se tornare "a casa" per visitare parenti e amici. In molti casi, le risorse finanziarie e i giorni di ferie annuali a disposizione non sono sufficienti a soddisfare entrambe le opzioni.

Scegliere diventa ancora più difficile per le famiglie in cui i due genitori sono di regioni o Paesi diversi e cercano quindi ciascuno un'opportunità per una visita "a casa".

Certamente, alle famiglie di espatriati manca la presenza delle persone care ed è sempre forte il desiderio di vederle per rinsaldare i rapporti tra le vecchie e le nuove generazioni. Tuttavia, per molti espatriati tornare "a casa" può portare con sé anche una sensazione di risentimento. Ogni visita a parenti e amici si conclude infatti con una richiesta di tornare presto e ciò può rendere questi viaggi un obbligo, più che un piacere. Se poi si decide di passare le ferie in altri modi, subentra il senso di colpa. La necessità di tornare "a casa" può talvolta ostacolare i desideri o le ambizioni di viaggio o mal conciliarsi con le preferenze dei partner o dei figli, creando tensioni familiari.
In molti casi, la soluzione è stata trasformare il più possibile la visita "a casa" in una vacanza tradizionale, scegliendo una località del Paese di provenienza agevole da raggiungere anche per le persone care. Ciò consente agli espatriati e alle loro famiglie di dedicarsi alle attività e agli interessi preferiti, passando anche tempo da soli o con i parenti più stretti e senza rinunciare a un minimo di autoindulgenza propria di ogni vacanza.  È anche un modo per ridurre le ore di viaggio necessarie per incontrare tutti i parenti e gli amici a cui una visita è dovuta da tempo.
In un certo senso, gli eventi di quest'anno hanno pertanto aiutato a prendere una decisione, visto che il ritorno "a casa" non è possibile e può esserci invece l'opportunità di un viaggio desiderato da tempo o di una vacanza che non richiede spostamenti.
Molti espatriati hanno scelto di trasferirsi all'estero per lavoro attratti anche dal clima, dallo stile di vita, dalla cultura e dalle bellezze naturali del Paese di destinazione. Se è vero che il lavoro, le responsabilità familiari e gli impegni di altro tipo non hanno lasciato molto tempo da dedicare all'esplorazione di questi aspetti, questa estate avete l'opportunità di scoprire cosa ha da offrire il Paese ospitante.
Dopotutto, ora siete una persona del luogo: concedetevi una vacanza da turisti senza sensi di colpa.